BENVENUTI, CHIUNQUE VOI SIATE

Se siete fautori del "politcally correct", se siete convinti che il mondo è davvero quello che vi hanno raccontato, se pensate di avere tutta la verità in tasca, se siete soliti riempirvi la bocca di concetti e categorie "democraticizzanti", sappiate che questo non è luogo adatto a Voi.

Se, invece, siete giunti alla conclusione che questo mondo infame vi prende in giro giorno dopo giorno, se avete finalmente capito che vi hanno riempito la testa di menzogne sin dalla più tenera età, se avete realizzato che il mondo, così come è, è destinato ad un lungo e triste declino, se siete convinti che è giunta l'ora di girare radicalmente pagina , allora siete nel posto giusto.
Troverete documenti,scritti, filmati, foto e quant'altro possa sostenervi in questa santa lotta contro tutti e tutto. Avrete anche la possibilità di scrivere i Vostri commenti, le Vostre impressioni, le Vostre Paure e le Vostre speranze.

Svegliamoci dal torpore perché possa venire una nuova alba, una nuova era!


venerdì 30 dicembre 2011

MORTO MIRKO TREMAGLIA

Mirko Tremaglia si è spento poche ore fa nella sua Bergamo. Ha vissuto tutto sommato a lungo, anche se nell'ultima parte del suo viaggio ha conosciuto la malattia. Tuttavia, questa circostanza non gli ha impedito di portare avanti la missione in cui credeva, proprio come quando, in un passato non troppo lontano, era partito 17enne per difendere l'onore d'Italia al fianco del Duce, finendo prigioniero nel campo di Coltano presso Pisa; proprio come quando decise di aderire al Movimento Sociale Italiano, impegnandosi nellla sua campagna per il diritto di voto degli italiani all'estero; proprio come quando decise, dal 1995, di seguire Fini in tutte le sue scelte.

Ora, sebbene il voto agli italiani all'estero si sia rivelato un autogol pazzesco e, quel che è peggio, il leader del suo ultimo partito sia uno dei principali responsabili della consegna dell'Italia all'alta finanza, di quest'uomo si può e si deve ammirare una buona dose di coerenza. Basti pensare che rinfacciò allo stesso Fini, (dopo la sua uscita sul "male assoluto"), che l'antifascismo non può considerarsi un valore, ma un'espressione di risentimento e d'odio, da cui non può nascere nulla di buono. Orbene: se la coerenza, da sola, non basta a farne un politico eccezionale, è più che sufficiente per tramandare un'immagine di lui come di un buon uomo, onesto, cordiale e leale, doti sempre più rare nel mondo in cui viviamo.

Ed è proprio all'uomo che voglio rendere il mio piccolo omaggio, alla memoria di quel fanciullo che scelse di sfidare la morte sul campo di battaglia, anziché rifugiarsi clandestinamente in montagna; di quel ragazzo, poi divenuto uomo, che a neanche 30 anni fece la scelta coraggiosa di restare fedele ai principi appresi in gioventù, (pur con tutto quello che si può rimproverare al M.S.I.); infine, all'uomo anziano e malato si è impegnato direttamente in politica, piuttosto che ritirarsi a vita privata a godersi il vitalizio.Riposa in pace, dunque, Camerata Tremaglia e ricongiungiti sereno con tutti gli altri ragazzi di Salò, morti ieri per l'onore d'Italia, ma ancora vivi nei nostri cuori. E dì loro che NOI non li abbiamo dimenticati, né lo faremo mai. Presenti!

Roberto Marzola.

11 commenti:

  1. Riposa in pace, Camerata Tremaglia.
    Anche se non ho condiviso certe tue scelte degli ultimi anni, il mio rispetto e la mia stima per te non sono mai venute meno.
    Potessi fare anche solo un decimo di ciò che hai fatto tu nell'arco della tua vita.

    RispondiElimina
  2. Riposa in pace, Camerata Tremaglia.

    RispondiElimina
  3. CRISTIAN SBarinacci (cr)10 gennaio 2012 00:13

    un VERO ITALIANO!! NOBIS ( VERAMENTE)

    RispondiElimina
  4. da Wikipedia: meditate gente meditate:"Nel luglio 2009 si distinse per aver preso nettamente le distanze[18] dall'introduzione del reato di clandestinità, definendolo "assurdo", "un reato inventato", chiedendone la cancellazione e l'avvio di una regolarizzazione e di una sanatoria. "Siamo tutti moralmente, oltre che politicamente, impegnati a salvaguardare gli stessi diritti che i nostri emigranti hanno ottenuto con tanti sacrifici."[19] In questa campagna Tremaglia si è tuttavia trovato solo, isolato dai suoi compagni di partito[20]". Si era ravveduto e scoperto comunista alla fine del suo viaggio??? ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  5. A dire il vero chi dovrebbe veramente meditare è l'Anonimo estensore della nota che tutti potete leggere qui sopra.
    Lungi dall'essersi "ravveduto e scoperto comunista alla fine del suo viaggio" il camerata Tremaglia, che si è sempre speso per la difesa dei diritti dei nostri emigranti, era come tutti noi uno strenuo difensore delle persone corrette che emigrano per poter lavorare onestamente e cercano di inserirsi armoniosamente nella comunità che li ospita; a differenza dei "comunisti" che si spendono sopratutto per i clandestini, i nullafacenti, gli abusivi che vendendo merce contraffatta commettono dei precisi reati, ai quali vanno aggiunti l'evasione delle imposte e dei contributi e l'esercizio abusivo di attività commerciali.
    Purtroppo l'Anonimo di cui sopra è il classico personaggio abituato a esprimersi per frasi fatte, il tipico luogocomunista per il quale i "fascisti" sono tutti degli individui stupidi, volgari, ignoranti e razzisti; incapaci di ragionare e di avere un pensiero autonomo e delle opinioni personali; che seguono pedissequamente gli ordini come un gregge di pecore.
    Quando trovano qualcuno che si discosta dal clichè che hanno in testa questi personaggi si stupiscono; la realtà è che questo "signore" non solo misura gli altri col proprio metro, proiettando i propri difetti su coloro che avversa, ma si dimostra egli stesso il prototipo del soggetto abituato a ripetere come un automa le quattro cose che è stato addestrato a recitare dai suoi istruttori.
    Il fatto che noi si preferisca difendere la nostra identità non vuol dire che odiamo chi ne ha una diversa ma semplicemente che amiamo e privilegiamo la nostra, a differenza di chi la odia e la spregia.
    Crede forse che basti estrapolare una singola frase da una vita intera consumata a fare politica per cogliere l'animo di una persona?
    Il suo patetico tentativo di fare dell'ironia mette piuttosto in evidenza la sua incapacità di cogliere l'infinita varietà di opinioni che dalle nostre parti alberga praticamente su ogni argomento.
    Ci troviamo una volta di più davanti ad un soggetto che, quando i fatti smentiscono i suoi preconcetti ideologici, non esita a ignorarli, per ignoranza o malafede.
    Si ricordi che noi preferiamo uno straniero onesto che lavora e si impegna per migliorare se stesso e la nostra società, piuttosto che certi fancazzisti nostrani che blaterano a vanvera.

    RispondiElimina
  6. Caro Giorgio, lo so che fa male che un camerata come credevate faceva invece parte del Governo dei bunga bunga (sbaglio o era passato al PDL^?). Quindi o si era rincoglionito oppure come tutti i buon ex fascisti da Fini in poi, vista la poltroncina rinneghiamo tutto per difendere un mafioso pedofilo giusto^? Un esempio da seguire giusto^? Detto questo lui (rincoglionito) ce lì'aveva col reato di clandestinità assurdo per cui uno solo perchè non italiano, appena mette i piedi sulla penisola fa reato... Ma caro Giorgio, ti sembra che solo perchè ci metti il nome hai ragione tu^? Sei ridicolo!!! P.S. Camerata morto per difendere strenuamente il gov Berlusconi... ah ah ah
    Firmato Gianfranco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il grado di comprensione delle vicende storico-politiche è direttamente proporzionale alla padronanza della lingua italiana e alla forza delle argomentazioni proposte, sei messo maluccio. Con un nome del genere, del resto, cosa ci si poteva aspettare?

      Elimina
  7. Caro Anonimo
    Vedo che, come tutti quelli del tuo stampo, sei abituato a dare per scontato ciò che scontato non è.
    E' davvero triste che tu non riesca ad andare oltre ai soliti luoghi comuni su Berlusconi e/o sui fascisti; che, tra l'altro, sono realtà non assimilabili tra loro.
    C'è almeno uno tra quelli come te che sia capace di andare oltre le quattro frasette che vi hanno fatto imparare a memoria?
    A parte il fatto che Tremaglia non faceva parte dell'ultimo governo Berlusconi, e questo la dice lunga sulla tua conoscenza dei fatti, noto che tocca ad un "fascista" ricordarti che le "chiacchiere" sulla mafiosità di un soggetto sono cosa ben diversa dai fatti, così come la passione per le ragazze giovani è cosa diversa dalla pedofilia; che il giudizio personale è cosa differente dal giudizio politico; che la personale posizione di un uomo politico su uno determinato argomento non solo è libera ma non implica specifici automatismi su altri argomenti più o meno simili.
    Erano i nazisti e gli stalinisti quelli che abitualmente davano una descrizione spregevole sotto l'aspetto umano di coloro che erano considerati nemici politici; devo dedurre che il tuo animus è per intolleranza, ottusità e livore, assimilabile a quello nazista o stalinista?
    Per i soggetti come te tutto ciò che "si dice" di coloro che non ti sono simpatici pare essere vero "a prescindere", quindi sarebbe del tutto inutile cercare di farti capire che hai detto un sacco di sciocchezze del tutto prive di fondamento.
    Tu vedi contraddizioni o atteggiamenti ridicoli come ogni soggetto che ha, appunto, le "visioni".
    Tu non riesci proprio a capire come sia possibile avere delle idee comuni su certi argomenti e nel contempo avere anche delle opinioni differenti su altri punti, riuscendo anche ad andare d'accordo mantenendo la stima uno dell'altro?
    Si chiama libertà di pensiero e rispetto reciproco, cose che a quelli come te sono sconosciute.
    L'adesione critica ad un progetto; la vicinanza umana ad una persona verso cui si ha della riconoscenza o del rispetto, nonostante non si condividano tutte le sue posizioni, sono cose che tu non riesci a concepire?
    Ti ho già detto che non dovresti misurare gli altri con il tuo metro, non tutti sono fatti con lo stesso stampo, come accade agli antifascisti ed agli antiberlusconiani: se tu sei privo di personalità autonoma e della capacità di esprimere un pensiero tuo proprio, non devi credere che tutti gli altri siano fatti nello stesso modo.
    Ma guarda se debbo essere proprio io, che non lo sopporto, a difendere berlusconi dalle stupidaggini di un quaquaraquà;
    Sono altre, diverse e ben più gravi sotto l'aspetto politico le "colpe" di berlusconi, rispetto alle puttanate che hai citato.
    Il Tremaglia era contrario al reato di clandestinità?
    E questo cos'altro vuol dire se non che Tremaglia era una persona capace di avere un'opinione autonoma su questo argomento, o magari anche su altri, rispetto ad altri suoi compagni di strada?
    Mica era un trinariciuto che obbedisce ciecamente agli ordini scritti sull' Unità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tremaglia di che partito era? PDL tutti i tuoi bla bla bla sono inutili. Fatti duri e crudi, votava e difendeva il Gov di un pluricondannato e puttaniere (puoi forse contraddirmi in questo?) di minorenni. Poi andato sul campo a vedere gli immigrati italiani allì'estero si è reso conto delle cazzate fatte in vita seguendo la razza pura e si è redento... Lo so fa male scoprire la verità, tu rimani pure alleato di Silvio e co, che io l'Unità non la leggo, i giornali sono finiti e superati, in che anni vivi? svegliate!!!
      Firmato Alemanno sindaco non corrotto!

      Elimina
    2. All'epoca delle leggi razziali Tremaglia aveva sì e no 13 anni. La sua adesione al Fascismo è avvenuta durante la guerra, quando poco più 17enne si arruolò nella R.S.I.
      Fu un critico oppositore dello scioglimento di A.N. e non voleva la fusione col PDL.

      Questi sono i "fatti duri e crudi". Il resto è tutto un tuo bla-bla di stampo antifascista e antiberlusconiano. Se non hai qualcosa di più intelligente e personale da dire, ti inviterei ad andare a vomitare i soliti motivetti, ("puttaniere", "nano" ecc.), da qualche altra parte. Ormai, anche il mio gatto li trova stucchevoli.

      Elimina
    3. Caro Anonimo;
      I "fatti nudi e crudi" sono:
      - che tu confondi la militanza in un partito con l'appartenenza ad un governo, dimostrando una buona dose di ignoranza;
      - che quando la tua ignoranza viene smascherata cerchi pateticamente di sminuirne la portata e cambi argomento;
      - che militare in un partito o sostenere un governo non vuol dire approvarne o condividerne in modo automatico e assoluto tutti gli atti, le proposte e le idee;
      Per fare un esempio che anche un idiota capirebbe pensa alla Bindi e alla Concia, alle loro rispettive idee su aborto, matrimonio omosessuale, fine vita, famiglia, morale sessuale, ecc , eppure entrambe militano tranquillamente nel PD, quindi quelle contraddizioni politiche o quelle redenzioni di cui blateri esistono solo nella tua distorta fantasia;
      - che dalle nostre parti è normale che ci siano persone come Tremaglia, che mantengono comunque un atteggiamento autonomo e una capacità di differenziarsi, mica siamo fatti come te;
      - che la “redenzione” dal razzismo in uno che non è mai stato razzista la può vedere solo chi è affetto dalle “visioni”: per trovare delle redenzioni opportunistiche dal razzismo dovresti guardare piuttosto ai comportamenti di un Bocca o di uno Scalfari;
      - che siccome l’atteggiamento abituale di quelli come te è quello di chi si comporta in modo gregario e succube credi che anche il resto dell’umanità si comporti in modo simile;
      - che tu attribuisci al prossimo caratteristiche e comportamenti frutto di luoghi comuni originati più dalla propaganda che dalla realtà: non vedi gli altri per ciò che sono realmente;
      - che quando qualcuno si comporta in modo diverso da quello che tu sei stato addestrato a credere sia il suo comportamento abituale, tu resti stupito;
      -che quando i fatti smentiscono i tuoi pregiudizi ideologici, tanto peggio per i fatti;
      - che tu hai una concezione dogmatica, ottusa e intollerante della politica e della realtà: credi solo nella tua verità di fede ed ogni altra posizione diventa un’eresia da colpire con atteggiamento degno dell’inquisizione;
      - che definisci "pedofilo", cioè uno che ha rapporti con bambini "pre-puberi", una persona che ha frequentato la Ruby la quale, basta guardare le sue foto, ha un aspetto fisico tutt'altro che "pre-pubere";
      - che chiami mafioso uno che ha avuto e tutt'ora ha dei problemi giudiziari ma non è mai stato condannato né indagato per fatti di mafia;
      - che in Italia le prostitute hanno 9 milioni di clienti ma tu ti fai prendere dalle convulsioni moralistiche solo se il reprobo è l’odioso puttaniere Berlusconi;
      - che definirmi “alleato di berlusconi” vuol dire: o non saper leggere, o essere in malafede, o essere accecati dall’odio ideologico;
      - che le tue chiacchiere stanno a zero perché leggendole non ho scoperto nessuna “verità scomoda” che possa farmi male ma solo un insieme di sproloqui che riempiono di tristezza per la loro imbecillità.

      Elimina