BENVENUTI, CHIUNQUE VOI SIATE

Se siete fautori del "politcally correct", se siete convinti che il mondo è davvero quello che vi hanno raccontato, se pensate di avere tutta la verità in tasca, se siete soliti riempirvi la bocca di concetti e categorie "democraticizzanti", sappiate che questo non è luogo adatto a Voi.

Se, invece, siete giunti alla conclusione che questo mondo infame vi prende in giro giorno dopo giorno, se avete finalmente capito che vi hanno riempito la testa di menzogne sin dalla più tenera età, se avete realizzato che il mondo, così come è, è destinato ad un lungo e triste declino, se siete convinti che è giunta l'ora di girare radicalmente pagina , allora siete nel posto giusto.
Troverete documenti,scritti, filmati, foto e quant'altro possa sostenervi in questa santa lotta contro tutti e tutto. Avrete anche la possibilità di scrivere i Vostri commenti, le Vostre impressioni, le Vostre Paure e le Vostre speranze.

Svegliamoci dal torpore perché possa venire una nuova alba, una nuova era!


giovedì 9 febbraio 2012

UNO STATO CHE SI FA PRENDERE IN GIRO DA CESARE BATTISTI

Diciamocelo chiaramente: l'Italia con Cesare Battisti, (il delinquente,ovviamente, non il patriota del secolo scorso), ha fatto una pessima figura. Non una sola, a dire il vero. La prima magra, infatti, si è avuta quando, nel 2004, a seguito dalla fine della cd. "dottrina Mitterand" e del conseguente arresto, Battisti riuscì a rendersi latitante e a dileguarsi nel nulla. La seconda, invece, nel 2007, allorché venne arrestato in Brasile. Una detenzione che è durata pochino, perché nel 2009 era già fuori, forte dello status di rifugiato politico. Nel 2011, infine, è arrivato l'ultimo verdetto: il presidente Lula, amico di un contrariato Giorgio Napolitano, (chissà quanto...), forte dell'approvazione dall'Avvocatura di Stato brasiliana, fa sapere che non sarà concessa l'estradizione. I quattro omicidi, di cui si era macchiato con i suoi comagni,(nel senso politico del termine!), resterrano impuniti.

Stavolta, c'è un qualcosa che va oltre l'assurdo giuridico...Che non è la concessione dello status di rifiugiato politico ad un comunista italiano. Un qualcosa che supera persino l'ipocrisia umana... Che non è nemmeno la solidarietà espressa da Roberto Saviano. Si tratta di un qualcosa che va ben al di là della decenza... Ed è il fatto che il sig. Battisti sfilerà al Carnevale di Rio con il «Bloco do Cordão da Bola Preta», una delle maggiori scuole di samba della città carioca. Stando a quanto riporta "il Corriere", il terrorista rosso, tutto entusiasta, avrebbe dichiarato: "Certo che ci vado, la Bola Preta porta in strada due milioni di persone" .

Ci rendiamo conto? Questo omuncolo con le mani intrise di sangue, che ha seminato il terrore in Italia, provocato il dolore delle famiglie delle vittime e che adesso gioca pure a fare l'intettuale, si permette di sfilare al Carnevale di Rio, magari a fianco di dieci sventolone brasiliane, con corpi da delirio sessuale e dai movimenti conturbanti. Non lo accetto, mi spiace. I miei occhi hanno sopportato abbastanza. Basta! E' l'emblema e, al tempo stesso, l'apice del ridicolo che copre il nostro Paese a causa di 60 anni di politica "liberale" e "democratica". Più di mezzo secolo di storia in cui abbiamo preso sempre e solo ordini da tutti. Una schiavitù resa più sopportabile da una specie di "miracolo economico" e da qualche soddisfazione sportiva, che ora ci rende persino incapaci di andare in Brasile a prendere per le orecchie un pezzo di merda qualunque, per buttarlo nell'unico posto in cui meriti di stare: in galera! Poi mi vengono a dire: "gli italiani devono fare i sacrifici per il bene del Paese" e corbellerie simili; ma per cosa? Per essere lo zimbello della Comunità Internazionale? O per essere presi per il culo da un simile idiota e criminale, che se ne sta in Brasile a divertirsi, con quell'aria da genio de noandri, mentre gran parte degli italiani onesti stenta ad arrivare a fine mese? Ma che se ne vada a fanculo lui, Lula e la nostra classe dirigente! Speriamo solo che prima o poi torni in Italia per riabbracciare il suolo natio...Anzi no: a ben pensarci, si rischierebbe di farne un insegnante, come già avvenuto con qualche ex B.R.. Certi rischi non è proprio il caso di correrli!

Roberto Marzola.

P.S. Mi scuso per il linguaggio scurrile, di solito non mio; ma come dicono a Roma: "quanno ce  vò...ce vò!".

29 commenti:

  1. Io lo so che pensare certe cose è peccato, ma non siamo forse tutti peccatori?

    A volte, quando i vari notiziarii ci propinano qualche notizia sul conto della faccia di bronzo rispondente al nome di Cesare Battisti, d'istinto mi viene questo pensiero:

    ""Ma una raccolta di fondi destinati all'ingaggio di un Bounty Killer (magari più killer che bounty) che porti i nostri "saluti" al suddetto Kompagno, sarebbe poi un'idea così disdicevole?""

    Lo so benissimo che certe "idee" non rappresentano il massimo del vivere civile, e che esiste sicuramente da qualche parte un solerte magistrato, il cui cuore batte secondo i dettami della giustizia e della solidarietà democratica, che sarebbe pronto a scatenare la macchina giudiziaria contro chi osasse una simile azione.

    A volte la mia mente indulge in pensieri scorretti in modo indipendente dalla volontà: mi toccherà vigilare su certe mie manifestazioni istintive.

    Secondo voi si tratta davvero di pensieri così esecrabili?
    Quando guardo in TV la faccia di Battisti io penso di no!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, Giorgio, è solo un peccatuccio veniale. E poi quel verme farebbe perdere la pazienza anche al Santo Padre. Spero di non essere blasfemo!

      Elimina
  2. Lunga vita al compagno Cesare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me vergognarsi un pochettino no eh, caro anonimo?

      Elimina
  3. Lunghissima vita a Cesare e a tutti gli altri compagni perseguitati dalla stato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale quanto scritto all'anonimo sopra.

      Elimina
    2. Non badare a questa nullità, è solo un imbecille che si diverte cercando di provocarci con le sue sciocche parole;
      mica si può prendere sul serio chi definisce "perseguitati" degli assassini e si dimentica delle sofferenze causate alle vittime dai suoi "eroi".

      Elimina
  4. Gli unici che dovrebbero perseguitare sono gli anonimi come te che si nascondono dietro ad una tastiera. Vergognate!!!

    Scusa l' intrusione, sono venuto solo oggi a conoscenza di questo blog e come vedo la stupidità della gente abbonda in tutta la rete. Ma a parte questo volevo farti i complimenti per il tuo blog che continuerò a seguire.
    Quando vuoi vieni a visitare il mio...
    noiroma.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena visitato il tuo blog. Bravi!

      Roberto Marzola.

      Elimina
  5. Battisti è anche un discreto autore di romanzi noir, e questo è il solito blog di nazicapre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essere criticati da chi sceglie di stare dalla parte di Caino non solo non mi turba affatto ma mi fa capire di essere dalla parte della ragione: chiunque, anche i nazi o le capre, sono infinitamente migliori di coloro che approfittano dell'anonimato per dare sfogo alle proprie perversioni.

      Elimina
    2. Un mancato premio nobel per motivi politici. Più o meno come è successo a Pound, che non ha ricevuto l'ambito riconoscimento letterario perché fascista, (e a dirlo furono gli stessi membri della commissione del nobel). Uguale, vero? Ma per favore!

      Elimina
  6. caro giorgio, consolati. il tuo peccato lo condivido incondizionatamente e non penso di essere l'unico. lo condivido al punto di sognare di essere io stesso "l'uomo della vendetta". il trattamento auspicato per il neo ballerino, però, dovrebbe essere allargato "sanitariamente" a tutta quella sfilza di criminali rossi riabilitati a far da cattivi maestri. scrittori, conferenzieri, professori, opinionisti, giornalisti dalle mani amcor grondanti di sangue che con le loro idee continuano ad alimentare un odio che è costato la vita a circa 150 italiani. maestri grazie ai quali nascono "anonimi" che da soliti "pecore" quale sono seguono i peggior pensieri dei loro peggior "pecoroni". quanto, poi, ai tuoi timori per un eventuale azione punitiva della magistratura mi sembrano più che scontati anzi certi. mi meraviglia, anzi, che il già solo pensarlo non diventi motivo di perseguibilità visto che in questa repubblica democratica non avere un timbro rosso nei pensieri già basta per essere additato a mostro. sia di forza per tutti noi che prima o poi .....verrà un giorno che .....!!! ad maiora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Nino, mi fa piacere leggerti di nuovo. Spero che le tue condizioni di salute siano finalmente buone.

      Lo spirito, invece, è quello di sempre. E mi fa un enorme piacere. Servono leoni come te, "armati di pensier", per cacciare indietro questa nuova minaccia, se così la si può definire. Notare i commenti degli anonimi sopra...

      Elimina
  7. E' nostra profonda convizione che se lo Stato Italiano, alla notizia del negato rimpatrio del povero martirizzato "compagno", avesse iniziato a rispedire a casa loro a gruppetti di cento tutti i travestiti che si prostituiscono e spacciano sulle nostre strade probabilmente ce lo rimandavano a casa con un bel calcio nel culo!
    Siamo talmente bravi e buoni che finiamo con il passare per "bischeri" sempre!
    e sarebbe l'ora di finirla.....
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finchè lo Stato Italiano darà cittadinanza anche agli idioti di cui sopra, (che invocano la libertà per il compagno dalle mani sporche di sangue), non andremo da nessuna parte. Collezioneremo magre come abbiamo fatto con Battisti.

      Elimina
  8. Volevo vedere se Battisti gli ammazzava la madre se parlava in questo modo. E poi dovrebbe portare rispetto alle capre visto che sono più intelligenti di lui.

    RispondiElimina
  9. Battisti libero, Mussolini a testa in giù. E giustizia è fatta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro "Anonimo" per averci illustrato quale sia il tipo di "giustizia" che tu ammiri.
      Lasciati però ricordare che la tua concezione "tribale" della giustizia era già superata ai tempi del Codice di Hammurabi, quando le società umane si andavano evolvendo verso la civiltà, introducendo innovazioni come le Leggi e superando i concetti legati alla mentalità della "faida" tribale.
      E' quindi evidente che il tuo livello evolutivo morale e intellettuale è fermo ai tempi del neolitico, cosa che non mi stupisce affatto vista la tua inclinazione ideologica.

      Elimina
    2. Volevo cancellare il commento perché oltrepassa ogni decenza ed offende ogni forma di intelligenza. Poi, però, ci ho ripensato. E' bene che tutti leggano e vedano cosa anima la sinistra italiana. Odio cieco e rancoroso. E poi vogliono fare la morale a qualcuno? Spalare la ghiaia in Siberia: ecco cosa meritano certi signori!

      Elimina
    3. Caro Roberto:
      Guardati bene dal cancellare simili commenti:
      sono la migliore dimostrazione di quale sia l'infimo livello etico di certi individui, prigionieri come sono della loro acrimoniosa faziosità.
      Perfino l'Uomo di Neanderthal (200.000 - 40.000 A.C.) praticava forme di culto dei morti ed aveva rispetto per i defunti: è quindi evidente che l'Anonimo qui sopra si trova ad un livello evolutivo inferiore a quello di un troglodita.
      Le sue parole dimostrano come l'odio ideologico può trasformare gli individui in psicopatici che hanno solo l'apparenza esteriore di esseri umani, capaci come sono di comportamenti aberranti che risultano sconosciuti anche i tra peggiori selvaggi

      Elimina
  10. Di sicuro non offende la vostra intelligenza. Prima trovatela, poi magari si offenderà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu, caro anonimo, ti consideri intelligente, tanto da rimproverare la mancanza di intelligenza negli altri? Se è vero, come diceva Ugo Ojetti, che "dubitare di sè stessi è il primo segno d'intelligenza", con la tua sfrontatezza e la tua presunzione hai dato prova di essere l'esatto contrario. Non un intelligentone, dunque, ma forse qualcosa che ci fa rima. Saluti.

      Elimina
    2. Ma perchè dovremmo trovare qualcosa che abbiamo sempre avuto e mai è stata persa?
      Caro Anonimo non devi giudicare il prossimo in base al tuo metro, che è quello di parteggiare per Caino e di compiacerti per una esposizione degna del Principe Vlad.
      Potrà sembrarti strano ma mentre tu rimanevi attaccato a logiche che sono, quando va bene, medioevali, noi ci siamo evoluti.

      Elimina
  11. Si, vi siete evoluti e siete diventati hobbit. Ridicoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio hobbit che materia organica...Mi fermo qui. Potrei diventare volgare.

      Elimina
  12. La materia organica può essere qualsiasi cosa. Quindi, hobbit, ridicoli e pure ignoranti. E se mai ci fosse qualche merda in giro, mi raccomando, evitate almeno di farvi calpestare. Adios.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli Hobbit, anche se sono solo mezz'uomini, appartengono comunque alla specie umana, mentre le tue parole ti pongono all'ultimo livello della scala evolutiva dove non sei utile nemmeno come concime.

      Elimina
    2. Forse anche l'appellativo di "merda" per certa gente è davvero troppo. Alla fine, è sempre vero ciò che diceva De Andrè, ossia che è dal "letame che nascono i fior". Da questi qui, non nasce nulla e sono molto più volgari dei diamanti. Per usare una terminologia familiare al loro modo di ragionare da eco-cazzari: "SECCO NON RICICLABILE".

      Elimina